Clicca sul logo dell’azienda per andare al rispettivo progetto oppure TORNA ALLE CATEGORIE

A.I.Tech s.r.l.

AI-TRAFFIC: Analisi video per le smart city

A.I.Tech s.r.l.

Via E. Capozzi, 62
83100 Avellino (AV)

DATA DI FONDAZIONE: 10/04/2010

ATTIVITÀ SOCIETARIA: A.I.Tech progetta e sviluppa soluzioni di analisi video basate su avanzati algoritmi di intelligenza artificiale e deep learning che possono essere utilizzati nei vari mercati verticali, dal retail alla security, dalle smart city agli smart parking.

SITO WEB: https://www.aitech.vision/

AI-TRAFFIC: Analisi video per le smart city

https://www.aitech.vision/prodotti/ai-traffic/

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO

01/09/2019

TEAM DEL PROGETTO

Alessia Saggese, Socio AITECH

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

La soluzione consente il monitoraggio dei flussi veicolari e dei parcheggi.Si hanno così delle informazioni di tipo allarmistico(eventi potenzialmente anomali), statistico(i dati dei flussi veicolari e dei parcheggi) e di ottimizzazione delle risorse

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

Una delle tecnologie che oggigiorno può portare significativi benefici al mondo delle Smart cities è l’analisi video. Questa infatti, grazie all’utilizzo di avanzate tecniche di machine learning e deep learning, consente di effettuare l’analisi automatica dei veicoli che transitano per le strade delle nostre città.

Non appena un evento di interesse configurato si verifica (ad esempio un’auto è ferma sul ciglio di una strada), viene inviato un alert ad un sistema centralizzato di monitoraggio e controllo.

Vi è in realtà un ulteriore scopo, seppur meno affrontato nella maggior parte dei casi, che riguarda l’ottimizzazione delle risorse. Per esempio, attraverso l’integrazione con i sistemi di illuminazione pubblici (indoor e outdoor) per la regolazione automatica dell’intensità; se pensiamo ad ambienti outdoor, questo può declinarsi attraverso una ridotta intensità nell’illuminazione pubblica laddove non passi nessuno, una massima intensità laddove vi siamo persone, una intensità di livello intermedio in caso di presenza di veicoli.

La soluzione che propone A.I. Tech ai suoi clienti per il monitoraggio dei flussi veicolari è composta da due plugin che formano il bundle AI-TRAFFIC:

  • AI-ROAD3D: consente il conteggio e la classificazione dei veicoli (auto-moto-camion), effettuando per ciascun veicolo il calcolo della velocità media e la valutazione del colore;
  • AI-INCIDENT: consente di rilevare veicoli che percorrono strade contromano o corsie riservate; inoltre permette di verificare la presenza di veicoli fermi nelle piazzole di sosta, lungo la carreggiata, pedoni o accodamenti.

Dati di tipo statistico ed allarmistico dunque integrati in una unica grande applicazione, cosa che rende tale soluzione di analisi video particolarmente utile sia per applicazioni in ambito cittadino (smart city), ma anche per l’ambito autostradale, o per la gestione dei parcheggi.

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

Il progetto ha principalmente tre elementi di innovazione:

1) Total Solution: l’offerta dei nostri plugin è una soluzione integrata per gestire i più svariati mercati verticali.

2) Multipiattaforma: I plugin e le loro funzionalità sono disponibili disponibili in 3 versioni: edge (direttamente da installare a bordo camera), server ed embedded (hw+sw integrata). Questo consente all’utente finale,di essere libero progettualmente, di scegliere la soluzione migliore senza compromessi sulle prestazioni.

3) I migliori algoritmi di video analisi. I nostri plugin si basano sui migliori algoritmi di intelligenza artificiale e computer vision disponibili nella letteratura scientifica

CUSTOMER NEEDS

La soluzione nasce per soddisfare le principali esigenze delle amministrazioni pubbliche e dei vari enti che devono gestire un tratto stradale. Permette infatti di identificare potenziali soluzioni di pericolo come accodamenti, veicoli che percorrono strade contromano, fermi nelle piazzole di emergenza o lungo la carreggiata, o ancora pedoni lungo presenti lungo la sede stradale. Consente però anche un prezioso lavoro statistico sul conteggio e la classificazione dei veicoli, utile a comprendere quando e quanto sia trafficata una strada. Infine, è anche in grado di riconosce eventuali eccessi di velocità, consentendo così a chi di dovere la gestione della problematica sulla tratta.

BUSINESS MODEL

AI-TRAFFIC viene venduto attraverso un meccanismo a licenza. Le soluzioni di analisi video sono commercializzate principalmente attraverso due canali:

1) Un canale di distributori in Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Rep. Ceca, Francia, Slovacchia e Sud Est Asiatico (https://www.aitech.vision/dove-acquistare/). 2) I nostri prodotti sono inoltre presenti nel listino prezzi di MOBOTIX e HANWHA (precedentemente SAMSUNG) TECHWIN EUROPE. Entrambe le aziende veicolano quindi il prodotto a livello internazionale.

IMPATTO SOCIALE

Opportunamente integrato il sistema può avvisare in caso di situazioni di pericolo gli altri conducenti che stanno per sopraggiungere nei pressi dell’evento. Inoltre, consente una notifica tempestiva alle forze dell’ordine per la gestione di eventuali problematiche. Il tutto avviene in maniera automatica e senza alcun operatore costretto a monitorare per ore molteplici monitor con prestazioni sicuramente migliori.

SVILUPPO SOSTENIBILE

La soluzione opportunamente integrata può contribuire alla sostenibilità energetica con una ottimizzazione delle risorse. Infatti, attraverso l’integrazione con i sistemi di illuminazione pubblici è possibile la regolazione automatica dell’intensità di quest’ultima. Infatti, il sistema in base al transito dei veicoli e alla presenza di pedoni può pilotare una opportuna intensità nell’illuminazione. Una possibile soluzione potrebbe essere una ridotta intensità nell’illuminazione pubblica laddove non passi nessuno, una massima intensità laddove vi siamo persone, una intensità di livello intermedio in caso di presenza di veicoli

APParked

Parcheggiamo insieme

APParked s.r.l.

Via Monterone 82
00186 Roma (RM)

DATA DI FONDAZIONE: 18/06/2018

ATTIVITÀ SOCIETARIA: Lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti e servizi innovativi ad alto valore tecnologico e piu’ specificatamente: lo sviluppo di applicazioni e sistemi software e hardware inerenti la mobilita’e la la mobilita’ sostenibile.

SITO WEB: http://startup.registroimprese.it/isin/dettaglioStartup?2&id=KXU3bCJQBfS92AJOXqJVKg%2BWNu3mDCUqwK0nVQzhow%3D%3D

APParked – Parcheggiamo insieme

www.apparked.com

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO

Gennaio 2018

TEAM DEL PROGETTO

Luca Sole, CEO

Maria Chiara Sole, CFO

Massimiliano Ferraris di Celle, CTO

PARTNER

myCicero s.r.l.

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

L’idea sulla quale si fonda il progetto APParked è quella di risolvere in maniera INNOVATIVA ED INTERCONESSA il problema del parcheggio, problema particolarmente sentito nelle grandi città, semplificando la vita ai cittadini.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

APParked nasce dall’idea di risolvere in modo innovativo il problema dei parcheggi nelle grandi città, utilizzando lo scambio di informazioni tra gli utenti che cercano un parcheggio e gli utenti che lo lasciano.

Il sistema, sfruttando la geolocalizzazione e INTEGRANDOSI con applicazioni già esistenti, permette di conoscere IN ANTICIPO la disponibilità dei parcheggi circostanti.

L’obiettivo del sistema ideato è quello di offrire l’opportunità di conoscere i possibili posti disponibili attraverso un servizio del tutto innovativo che consente di indicare i parcheggi prima ancora che si liberino. Ciò permetterebbe di risolvere uno dei problemi più sentiti nelle città, offrendo quindi un servizio che potremmo definire di “pubblica utilità”. APParked ha ricevuto, infatti, il sostegno da parte del Comune di Roma (si veda Lettera di interesse del Comune allegata alla domanda) e la collaborazione da parte dell’Agenzia di Roma Servizi per la Mobilità (si veda Lettera di interesse dell’Agenzia allegata alla domanda) per una fase di sperimentazione sul territorio romano e per l’implementazione del Servizio, in sinergia con le Società che permettono il pagamento della sosta attraverso le App (come ad sempio MyCicero) che collaborano per l’appunto con l’Agenzia di Roma Servizi per la Mobilità.

Alcuni studi, infatti, hanno dimostrato che un’alta percentuale del traffico è causata proprio dalle auto che cercano parcheggio (fino a raggiungere soglie del 30%). E’ evidente che un sistema che faciliti un fluido scambio di parcheggi tra gli utenti, ottimizzando i tempi di ricerca, non solo significherebbe ridurre notevolmente il traffico ma anche contenere sensibilmente le emissioni.

Entrando più nel dettaglio, il sistema è composto da un back-end, che mette a dispozione API (Application Program Interface) che permettono di lavorare in modalità di Servizio, in cui le API offerte dal back-end vegnono rilasciate alle Società di gestione della sosta (strisce blu) e/o a Società che offrno applicazioni e soluzioni integrate nel settore della mobilità.

In sostanza l’utente che libererà un parcheggio (utente A) confermerà al sistema che lascerà il parchggio all’orario da lui indicato al momento della sosta. In parallelo, l’utente che sta cercando un parcheggio (utente B) vedrà una lista di parcheggi disponibili nella zona. Il sistema calcolerà automaticamente i parcheggi compatibili in base alle dimensioni delle auto utilizzate e in base al tempo necessario per raggiungerli. Selezionando un parcheggio dalla lista, il sistema mostrerà il percorso sulla mappa. Tutto è impostato in modo che l’utente B arrivi almeno qualche minuto prima che il parcheggio venga lasciato dall’utente A.

Pertanto, APParked offre benefici sia agli utenti finali, disposti a utilizzare il Servizio per parcheggiare rapidamente, sia agli Enti che gestiscono la mobilità cittadina, desiderosi di offrire servizi migliori ai cittadini sfruttando schemi di mobilità innovativi.

Il meccanismo di funzionamento può essere riassunto come segue: chi cerca un parcheggio (effettuando un Park-In) potrà, consultando APParked, acquisire informazioni sui parcheggi che si libereranno a breve nelle vicinanze (entro i prossimi 15 minuti). La piattaforma, conoscendo le informazioni fornite dagli utenti che libereranno il loro posto (effettuando un Park-Out), mostrerà all’utente in cerca di un parcheggio quelli disponibili in un raggio circoscritto (250 mt.). Gli utenti che confermerranno di lascaire un parcheggio all’orario che hanno indicato alle società per il pagamento della sosta (es. myCicero) verranno premiati attraverso crediti e incentivi (sistema di gamification).

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

– L’INTERCONNESSIONE con applicazioni esistenti che consente di raggiungere un elevato numero di utenti necessario al funzionamento del sistema.

– La PREVISIONE che permette l’individuazione dei futuri parcheggi disponibili.

– La SOSTENIBILITÀ perché il sistema contribuisce a ridurre sensibilmente le emissioni di CO2.

CUSTOMER NEEDS

La ricerca del parcheggio è uno dei problemi più sentiti dai cittadini delle grandi città, ancor più del traffico, della criminalità e del cattivo funzionamento dei mezzi pubblici (dati Istat del 2016 – Opinioni dei cittadini e soddisfazioni per la vita).

Il servizio APParked propone di ridurre questa difficoltà indicando agli utenti i parcheggi disponibili in un raggio di 250 metri che si libereranno a breve (entro 15 minuti) consentendo di risparmiare tempo e stress, contribuendo anche alla riduzione dell’inquinamento.

BUSINESS MODEL

Per quanto riguarda il business model di APParked, dopo un periodo sperimentale in cui il Servizio sarà offerto in maniera completamente gratuita, sarà introdotta una piccola fee a carico di chi lo utilizzerà. I dati degli utenti che utilizzano il Servizio saranno di proprietà di APParked e rappresenteranno una ulteriore possibile fonte di guadagno attraverso un loro utilizzo funzionale (es. per attività di marketing di prossimità, per ulteriori servizi legati alla mobilità, ecc.) ovviamente nel rispetto della privacy e della normativa vigente.

IMPATTO SOCIALE

APParked raccoglie esigenze di diversi attori nel mercato della mobilità:

– Comuni interessati a implementare nuovi modelli di mobilità sostenibile

– Società che permettono il pagamento della sosta interessate ad aumentare il numero degli utenti

– Cittadini desiderosi di risolvere il problema del parcheggio, risparmiando tempo e stress

SVILUPPO SOSTENIBILE

Il servizio offerto da APParked è di particolare interesse sia dal punto di vista sociale che ambientale poiché renderebbe la mobilità più efficiente favorendo anche il rispetto dell’ambiente. In effetti, è stato dimostrato che il traffico è in buona parte causato dalle auto che cercano un parcheggio. L’utilizzo di APParked, facilitando gli utenti nella ricerca di un posto auto contribuirà a ridurre sensibilmente le emissioni di CO2. Al riguardo si veda anche la lettera di apprezzamento rilasciata dal Policlinico Umberto I (allegata alla domanda) volta a dimostrare il contenimento dell’inquinamento ambientale.

DAZETECHNOLOGY

DazeBox

DAZETECHNOLOGY

Via Orio 18
24126 Bergamo (BG)

DATA DI FONDAZIONE: 12/08/2016

ATTIVITÀ SOCIETARIA: DazeTechnology sviluppa e produce sistemi di ricarica per l’auto elettrica

SITO WEB: www.dazetechnology.com

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO

01/02/2019

TEAM DEL PROGETTO

Federico Mazzoleni, Project Manager

Pietro Boni, CTO – Sw&Hw Manager

Davide Mariottini, Responsabile di ingegneria meccanica

Paolo Pasinetti, Sviluppatore Software

Eric Sottocornola, Operatore Specializzato

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

La versione industrializzata di DazeBox nasce dalla collaborazione tra DazeTechnology e il partner ENGIE eps.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

La versione industrializzata di DazeBox nasce dalla collaborazione tra DazeTechnology e il partner ENGIE eps. Questa collaborazione ha portato anche allo sviluppo di EasyWallbox, il sistema di ricarica di EEPS, basato su design e funzionalità di DazeBox, che verrà commercializzato dal gruppo FCA a bordo di 500 Elettrica e First Edition di Jeep Renegade 4xe e Compass 4xe.

DazeBox è una wallbox “modo 3” orientata al design e alla semplicità d’utilizzo, disponibile in versione monofase con Dynamic Power Management integrato fino a 7,4 kW e in versione trifase fino a 22 kW. Per la massima comodità, DazeBox ha un connettore standard Tipo-2 fisso compatibile con tutte le principali marche di veicoli elettrici e ibridi plug-in.

Riteniamo che la ricarica domestica non debba essere un problema per nessuno, nemmeno per chi a casa ha disponibilità di energia limitata. Per questo motivo, nella versione monofase, DazeBox offre un sistema di Dynamic Power Management sempre integrato e incluso nel prezzo. Questo sistema, monitorando il carico delle utenze di casa, permette di caricare l’auto sempre alla massima velocità possibile senza superare i limiti di consumo. Grazie a DazeBox non sarà più necessario aumentare il limite del contatore di casa per caricare la propria auto.

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

Una volta impostato sulla wallbox il limite di potenza della nostra abitazione, il Dynamic Power Management regola in modo automatico la potenza erogata per la ricarica dell’auto elettrica impedendo di superare i limiti di consumo tenuto conto dei consumi degli altri elettrodomestici accesi in ogni momento.

Per la massima comodità, DazeBox ha un connettore standard Tipo-2 fisso compatibile con tutte le principali marche di veicoli elettrici e ibridi plug-in.

grado di protezione IP55 e IK08

CUSTOMER NEEDS

DazeBox è stata realizzata con l’idea di semplificare la ricarica a casa permettendo a chiunque possegga un veicolo elettrico ibrido plug-in di caricare l’auto sfruttando tutta la potenza della rete di casa.

BUSINESS MODEL

i prossimi passi saranno:

Marzo 2021 Lancio DazeBox Connessa(v7)

Settembre 2021 Lancio DazeBox connessa per parcheggi condivisi Dicembre 2021 Lancio App per gestione remoto WallBox

IMPATTO SOCIALE

Uno dei maggiori problemi alla diffusione dei veicoli elettrici è quello di doversi preoccupare di gestire la ricarica. Con DazeBox chiunque possegga un auto elettrica sarà in grado di caricare completamente l’auto con la potenza elettrica disponibile nella propria abitazione.

SVILUPPO SOSTENIBILE

DazeTechnology si pone come fine principale rendere semplice e familiare la ricarica dei veicoli elettrici contribuendo alla loro diffusione e al miglioramento del mondo in cui viviamo.

DRIWE SRL

MOBILITÀ ELETTRICA INTEROPERABILE

DriWe Srl

Contrà Progresso 1/H
36015 Schio (VI)

DATA DI FONDAZIONE: 2013

ATTIVITÀ SOCIETARIA: driWe si occupa dello sviluppo della mobilità elettrica integrando a livello tecnologico fotovoltaico, colonnine di ricarica interoperabili e retrofit di auto elelttriche

SITO WEB: www.driwe.eu

MOBILITÀ ELETTRICA INTEROPERABILE

www.driwe.eu

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO
2013

TEAM DEL PROGETTO

Joelle Gallesi – Sales& Marketing Manager
Luca Secco – presidente
Alessandro Marsilio – Business Developper
Andrea Alberti – Technical Manager

PARTNER: Gruppo Ego

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Autonomia energetica, riduzione dei costi con il massimo del comfort, gestione dell’energia in maniera intelligente, minimizzazione del proprio impatto ambientale.

Sono tutti obiettivi raggiungibili grazie a DriWe!

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

DRIWE, LA SOLUZIONE COMPLETA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE IL FUTURO È INTELLIGENTE. IL FUTURO È PULITO. IL FUTURO È ELETTRICO.

Autonomia energetica, riduzione dei costi con il massimo del comfort, gestione dell’energia in maniera intelligente, minimizzazione del proprio impatto ambientale.

Sono tutti obiettivi raggiungibili grazie a DriWe, azienda veneta che dal 2013 ha realizzato il primo sistema integrato completo per la gestione della mobilità elettrica.

L’offerta è rivolta ad aziende, enti pubblici, centri commerciali e a privati: dalla produzione di energia con il fotovoltaico al software di controllo, dalle colonnine elettriche alla gestione ottimale della potenza erogabile.

Numerosi i vantaggi della mobilità elettrica:

Risparmio sui costi del carburante (il rendimento è superiore all’85%); Risparmio sui costi di manutenzione (in un veicolo elettrico non esistono frizione, cambio, marmitta, iniettori, valvole, compressori, on ci sono cambi di olio, filtri, candele, cinghie di distribuzione); Accesso alle ZTL e aree a pagamento; Miglioramento della propria immagine aziendale (la mobilità elettrica è uno strumento di comunicazione e marketing, utile ad aumentare l’interesse dei clienti verso i prodotti e i servizi).

DriWe ha risposto alla chiamata del mercato installando oltre 600 punti di ricarica sull’intero territorio nazionale, creando un’ infrastruttura innovativa, intelligente e smart, in grado di soddisfare le esigenze di autonomia di viaggio in tutta tranquillità.

DriWeCharge è la colonnina di ricarica smart per fare il pieno di energia a casa, al lavoro o presso le proprie attività preferite.

Tra le caratteristiche che rendono le colonnine DriWeCharge un’eccellenza sul mercato abbiamo:

–              VELOCITA’:  in grado di fare il pieno di energia alla potenza di 22kW, fino a 50kW

–              INTELLIGENTI: possono essere messe in funzione e gestite direttamente da smartphone

–              GEOLOCALIZZABILI: sempre connesse e localizzabili tramite app

–              PRENOTABILI DA REMOTO

–              PAGABILI CON CARTA DI CREDITO E COUPON

–              COMPATIBILI e TESTATE CON QUALSIASI VEICOLO ELETTRICO

–              NON NECESSITANO DI MANUTENZIONE ORDINARIA

DriWeCharge è la soluzione alle esigenze di grande distribuzione, retail, alberghi, ristoranti, concessionarie, enti pubblici, aziende e privati. La gamma di prodotti si differenzia per numero di prese e potenza disponibile:

DRIWE WALLBOX – 1 presa (3.7 kW, 7.4 kW, 11 kW, 22 kW) DRIWE CHARGE – 2 prese (11 kW, 22 kW) DRIWE FAST CHARGE – 2 prese 50 kW (DC) fino a 43 kW (AC) Attualmente sul territorio nazionale DriWe ha fornito più di 600 punti di ricarica a servizio di 13 regioni e 49 città.>

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

Interoperabilità

Integrazione

Autonomia energetica

CUSTOMER NEEDS

Risparmio sui costi del carburante (il rendimento è superiore all’85%); Risparmio sui costi di manutenzione (in un veicolo elettrico non esistono frizione, cambio, marmitta, iniettori, valvole, compressori, on ci sono cambi di olio, filtri, candele, cinghie di distribuzione); Accesso alle ZTL e aree a pagamento; Miglioramento della propria immagine aziendale (la mobilità elettrica è uno strumento di comunicazione e marketing, utile ad aumentare l’interesse dei clienti verso i prodotti e i servizi).

BUSINESS MODEL

DriWeCharge è la soluzione alle esigenze di grande distribuzione, retail, alberghi, ristoranti, concessionarie, enti pubblici, aziende e privati. La gamma di prodotti si differenzia per numero di prese e potenza disponibile:

DRIWE WALLBOX – 1 presa (3.7 kW, 7.4 kW, 11 kW, 22 kW) DRIWE CHARGE – 2 prese (11 kW, 22 kW) DRIWE FAST CHARGE – 2 prese 50 kW (DC) fino a 43 kW (AC) Attualmente sul territorio nazionale DriWe ha fornito più di 600 punti di ricarica a servizio di 13 regioni e 49 città.

E-GAP

E-GAP

E-GAP S.r.l

Via Parigi, 11
00185 Rome (RM)

DATA DI FONDAZIONE: Il servizio è stato lanciato a Milano a Febbraio del 2019 e a Roma a Giugno del 2019

ATTIVITÀ SOCIETARIA: E-GAP è la prima colonnina di ricarica mobile e on demand al mondo che raggiunge l’auto elettrica ovunque si trovi. Il servizio è stato lanciato a Milano a Febbraio del 2019 e a Roma a Giugno del 2019 dopo due anni di ricerca e progettazione.

SITO WEB: www.e-gap.com

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO

Il servizio è stato lanciato a Milano a Febbraio del 2019 e a Roma a Giugno del 2019.

TEAM DEL PROGETTO

Eugenio de Blasio, Presidente del CdA & Founder Daniele Camponeschi, CIO & Founder Alessandro Di Michele, CFO & Founder Filippo De Michelis, Legal & Regulatory Affairs Francesco De Meo, Head of Marketing Eleonora Ferrari, Operation Director Mauro Cecchini, Head of Technology Daniele Sciavarrello, Project Engineer Filippo de Blasio, B2B Sales and partnerhsip Valentina D’Amico, Marketing Executive Lucia Mazzi, Head of Customer Service

PARTNER

Enel X, Mercedes Benz Italia, Avis, Banca Ifis, Jaguar Land Rover, AS Roma, Europ Assistance, Saba, Share’N Go

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

E-GAP si distingue per essere on demand, fast charge e mobile. Attraverso l’APP di E-GAP l’utente richiede la ricarica dove vuole e quando vuole e il van di E-GAP raggiunge la sua auto elettrica per effettuare la ricarica.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

E-GAP nasce dall’esigenza di eliminare “l’ansia da ricarica” ovvero la paura di non avere sufficiente autonomia per raggiungere la propria destinazione che coinvolge proprietari ed utilizzatori di veicoli elettrici. Funziona per chi è senza disponibilità di ricarica domestica, per chi vuole avere maggiore autonomia o non vuole perdere tempo nella ricerca di stazioni di ricarica disponibili. Rifornisce di energia il veicolo del cliente anche in sua assenza, permettendo al cliente di continuare a dedicare il tempo a ciò che stava facendo o a ciò che piace fare di più. Per accedere al servizio è

sufficiente scaricare gratuitamente l’App sul proprio smartphone o tablet e prenotare la propria ricarica. Ci si può geolocalizzare oppure scegliere una posizione futura in cui sosterà il veicolo, selezionando in quanto tempo si desidera ricevere la ricarica e seguirne in tempo reale lo svolgimento. L’utente non deve dunque preoccuparsi di ricercare un punto di ricarica nelle vicinanze, poichè è l’operatore di E-GAP ad effettuare la ricarica al suo posto. Con la nostra APP riduciamo l’ansia da ricarica, ossia la paura di non riuscire a raggiungere un punto di ricarica, rimanendo a secco, che coinvolge tutti i proprietari ed utilizzatori di veicoli elettrici, attuali e potenziali. E- GAP si prende inoltre cura della pulizia e della sicurezza dell’auto: il cliente può infatti richiedere il lavaggio a secco e il controllo della pressione degli pneumatici che vengono effettuati dal nostro operatore durante l’erogazione del servizio da parte del van.

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

E-GAP ha sviluppato un servizio rivoluzionario di ricarica delle auto elettriche in quanto è la colonnina mobile di E-GAP a raggiungere il veicolo da ricaricare e non viceversa. Attraverso l’APP di E-GAP l’utente richiede la ricarica dove vuole e quando vuole e il van di E-GAP raggiunge l’auto elettrica per effettuare la ricarica anche in assenza del proprietario. I Van di E-GAP sono dei veri e propri centri di ricarica mobili fast charge con una capacità di ricarica fino a 80kWh. E-GAP contribuisce allo sviluppo di un mondo green dotandosi di un sistema 100% green: i van sono infatti 100% elettrici e l’energia erogata proviene da fonti rinnovabili.

CUSTOMER NEEDS

Il tempo gioca un ruolo importante nella scelta del nostro servizio rispetto a quello offerto dalle colonnine fisse. Il cliente ci sceglie perchè non vuole nè impiegare il suo tempo nella ricerca di una colonnina disponibile nè rimanere nelle vicinanze durante l’erogazione del servizio.

Il cliente di E-GAP predilige un servizio in cui sceglie orario, luogo di ricarica e grazie al quale la sua presenza non è necessaria.

BUSINESS MODEL

Il modello di business di E-GAP è supportato dal cliente finale e dal bacino di utenti del partner con cui stringe la collaborazione. Per il modello B2C le fonti di guadagno di E- GAP provengono da:  Servizio di ricarica  Servizi ancillari Per il modello B2B le fonti di guadagno di E-GAP provengono da:

  • Servizio di ricarica
  • Servizi ancillari
  • Pubblicità sui van E-GAP

IMPATTO SOCIALE

Oggi i principali problemi legati alla scarsa diffusione delle auto elettriche sono 1. Infrastruttura di ricarica carente che favorisce lo sviluppo della range anxiety 2. Elevati costi dell’infrastruttura di ricarica che limitano la costruzione di nuove stazioni di ricarica 3. Lunghi tempi di ricarica: solo il 15% delle colonnine di ricarica è di tipo fast charge 4. Incompatibilità dei sistemi di pagamento richiesti dai centri di ricarica fissi 5. Assenza di standardizzazione e interoperabilità delle prese di ricarica E-GAP rappresenta la soluzione a questi problemi rispondendo alle esigenze di un mercato in forte espansione dove il passaggio ad un’auto elettrica diventerà sempre più una scelta green obbligata.

SVILUPPO SOSTENIBILE

E-GAP contribuisce allo sviluppo di un mondo green dotandosi di un sistema 100%

green: i van sono infatti 100% elettrici e l’energia erogata proviene da fonti rinnovabili. La visione di E-GAP si trasforma in un vero e proprio impegno sociale concreto per la salvaguardia dell’ambiente e la promozione del bene comune.

GreenVulcano SRL

SPARTA – Smart Parking and Traffic Analysis to Red

GreenVulcano SRL

Viale Giulio Cesare n. 14
00192 Roma (RM)

DATA DI FONDAZIONE: 2009

ATTIVITÀ SOCIETARIA: GreenVulcano è un’azienda di software orgogliosamente ‘Made in Italy’,con oltre 20 anni di esperienza nel campo dell’integrazione e tanta passione per l’innovazione.

SITO WEB: www.greenvulcano.com

SPARTA – Smart Parking and Traffic Analysis to Red

www.greenvulcano.com/rd/projects/

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO

Ottobre 2017

TEAM DEL PROGETTO

Maurizio Fiumara (responsabile),
Annalucia Coccoli (Analista),
Davide Franco, Rocco Lagrotteria

PARTNER

Innovaway Spa (in qualità di soggetto capofila), GreenVulcano, Carso Technologies, Techno Design, Tech-Tron

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

SPARTA è una soluzione di Smart Parking che riduce l’inquinamento e aiuta i guidatori ad evitare inutili file e perdite di tempo alla ricerca di un posto libero.

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

Il progetto SPARTA consiste in una piattaforma che si integra con strumenti “efficaci” di pianificazione urbanistica e misure in grado di favorire il turnover delle soste e di usare al meglio le aree di parcheggio. In verità, esistono sperimentazioni embrionali di “Smart Parking” che affrontano solo in parte il problema dei parcheggi intelligenti, dell’analisi del flusso veicolare e della riduzione del traffico, i cui limiti sono riconducibili essenzialmente alle scelte tecnologiche e alla modellazione del processo. SPARTA si pone come obiettivo la progettazione, la realizzazione, la sperimentazione e la validazione di una piattaforma innovativa, sia in termini di prodotto che di processo, che permetta di superare i vincoli e i limiti dei sistemi attuali attraverso la:

  • Installazione di reti di sensori “smart” nei parcheggi per individuare i posti disponibili;
  • Installazione di reti di sensori per la misurazione della qualità dell’aria e l’analisi del flusso veicolare;
  • Installazione di pannelli digitali che, aggiornati automaticamente, segnalino le condizioni di disponibilità del parcheggio e altre info sul traffico;
  • Definizione di un modello matematico multivariabile per fissare un prezzo dinamico del parcheggio per incentivare il turnover e saturare in egual maniera i parcheggi disponibili,
  • Realizzazione di strumenti di Proximity Info Parking e Proximity Marketing (Gamification Marketing);
  • Realizzazione di strumenti previsionali e di analisi Geo/spaziali di (Big) Data Mining.

L’uso di Wireless Sensor Network (WSN) nel settore dello Smart Parking non è propriamente recente , però l’enorme sforzo fatto in ottica di miglioramento delle reti di sensori wireless ha recentemente intensificato l’interesse verso il loro impiego anche nel settore della gestione del traffico urbano .

Il progetto SPARTA, seguendo questa scia, introduce come aspetto d’innovazione non solo l’uso del “parcheggio intelligente” come strumento di gestione del traffico urbano, ma anche e soprattutto il modo sistematico e di processo di affrontare il problema dello Smart Parking, divenendo uno strumento di supporto alla governance delle Amministrazioni locali e dei gestori.

Infatti, rispetto allo scenario nazionale ed internazionale, SPARTA si distingue per rilevanza, utilità e originalità e si propone di:

1.integrare sorgenti di dati eterogenee e distribuite, che consentano:

a.L’interfacciamento a differenti tipologie di sensori (ad esempio, LIDAR, telecamere, reti di motes, RFID, nano sensori, sensori ambientali, sensori di prossimità, ecc.) fornendone nel contempo un’astrazione rispetto all’evoluzione tecnologica. Questo implica che la piattaforma è predisposta ad interfacciare le nuove tipologie di sensori che si introdurranno nel mercato.

b.La possibilità di configurare dinamicamente il comportamento di ogni sensore in termini di possibili stati di funzionamento.

c.La scelta dei sensori installabili in modo non invasivo e a bassi costi di manutenzione.

2.utilizzare un modello di calcolo più efficiente per la gestione dei flussi di dati (Fog Computing).

3.utilizzare il Digital Signage per inviare messaggi informativi digitali in real time agli automobilisti. (Proximity Info e Proximity Marketing).

4.utilizzare apps per guidare l’automobilista verso il parcheggio più “conveniente” sia per prossimità che per prezzi (Proximity Parking).

5.sviluppare un modello matematico per determinare in modo dinamico i prezzi per i parcheggi per favorire il turn-over dell’occupazione del posto.

La buona riuscita del progetto genererà vantaggi tangibili per tutte le entità coinvolte:

  • Le amministrazioni aumenteranno gli incassi e avranno meno costi di manutenzione •I cittadini godranno di migliori servizi •Gli abitanti vivranno in un ambiente meno trafficato e meno stressante •I negozianti beneficeranno di un migliore acceso ai loro punti vendita •L’ambiente sarà più pulito, spalancando, di fatto, la strada verso la Smart City.

La finalità del progetto è la realizzazione di uno strumento di supporto al Decision Maker (Istituzioni, gestori, Enti locali, etc.) per gestire il traffico urbano in modo sistemico mediante lo Smart Parking.

SPARTA intende favorire la creazione di un sistema di trasporto sostenibile che:

  • ottimizzi l’uso dei parcheggi e dei garage inutilizzati, migliorando la fruibilità delle aree di sosta, •aiuti i guidatori ad evitare inutili file e perdite di tempo alla ricerca di un posto libero in cui parcheggiare, •consenta la riduzione dell’inquinamento, con conseguente miglioramento della salute e del benessere della popolazione.

Diretta conseguenza della rinnovata capacità di implementare una corretta governance sono:

  • un ambiente più pulito,
  • una città più vivibile e sicura con meno stress e traffico per i cittadini e gli automobilisti, •minori costi di gestione e manutenzione delle strade.

Implementare una “politica virtuosa” rappresenta infatti il tema più significativo ed attuale per una amministrazione locale, anche in considerazione delle enormi ricadute sociali e della complessità del fenomeno. Risolvere le problematiche connesse al trasporto (congestione, sicurezza stradale, inquinamento atmosferico) è una necessità imprescindibile per il Decision Maker che è chiamato a rispondere nei confronti dell’opinione pubblica ed in particolare nei contesti che sperimentano situazioni di intenso uso e logoramento.

Allo stesso tempo, l’adozione di un modello di definizione dei prezzi dei parcheggi dinamico consente ai gestori di aumentare i propri incassi, perché le diverse politiche di prezzo favoriscono il turnover e, quindi, la saturazione in egual misura dei posti di parcheggio. Si pensi, ad esempio, ad un aumento delle tariffe in una specifica area quanto possa essere apprezzato dagli abitanti della zona dotati di permesso; oppure, si pensi alla crescita delle tariffe per soste oltre il tempo medio di acquisto quanto possa essere gradita dai negozianti di una determinata area. Evidentemente ciò genera contemporaneamente maggiori ricavi per l’Amministrazione/gestore. Si pensi, infine, alla riduzione dei prezzi dei parcheggi in strutture lontane dal centro, ma ben servite dai mezzi pubblici che favorirebbe un miglior uso della struttura stessa e, quindi, ulteriori ricavi per il gestore.

Ovviamente, per traguardare queste finalità, è necessaria un’innovazione tecnologica di prodotto e di processo come quella promossa dal progetto SPARTA, la cui replicabilità può avere un grande interesse industriale nel settore di riferimento L’obiettivo finale del progetto consiste nello sviluppare un sistema che, basato su tecnologie moderne e innovative, permetta di gestire in maniera ottimale il traffico in centro città e dotare le istituzioni preposte di uno strumento che consenta loro una migliore pianificazione urbanistica, territoriale e dei trasporti attraverso l’analisi dei flussi veicolari. Tale soluzione ha inoltre un notevole impatto sociale, in quanto supporta e incentiva un migliore turnover per i parcheggi, e riduce l’inquinamento dai gas di emissione, che favorisce la salute e un maggior benessere della popolazione.

In particolare, il sistema è in grado di:

  • semplifica la ricerca dei parcheggi,
  • informa in tempo reale i cittadini evitando di perdere tempo che provoca conseguenze negative in termini di stress,
  • riduce l’inquinamento atmosferico generato dalla ricerca del parcheggio migliora il benessere sociale ed economico della collettività e di consentire:
  • La determinazione del prezzo più adatto per un determinato parcheggio, attraverso un modello matematico multivariabile in grado di favorire il turnover,
  • L’analisi del flusso veicolare (conteggio delle auto, velocità, ingorghi, possibili situazioni di pericolo, etc.),
  • La previsione del flusso veicolare, degli eventuali ingorghi e/o situazioni di pericolo/stallo per poter prendere le opportune contromisure in maniera tempestiva,
  • L’analisi e la rappresentazione di scenari storici dei flussi veicolari;
  • La previsione della qualità dell’aria rispetto alle emissioni correnti e al trend e, quindi, la previsione di scenari futuri di inquinamento;
  • L’analisi e la rappresentazione di scenari storici dell’inquinamento;
  • La visualizzazione e l’analisi tramite GIS di mappe e tematismi “geo spaziali” sulla qualità dell’aria, sui flussi veicolari, forecasting di inquinamento, di ingorghi;
  • L’analisi, attraverso gli strumenti GIS, di tipo Geo Spatial Data Mining e Geo Spatial Big Data Mining, per prevedere e di acquisire “conoscenza” generando mappe e tematismi da visualizzare;
  • L’analisi e la visualizzazione dei dati acquisiti e dei dati della Knowledge Base in real time;
  • L’invio e la visualizzazione mediante Digital Signage, sia su appositi pannelli che su app, di messaggi informativi digitali in real time agli automobilisti, sul traffico, sulle situazioni di pericolo, sui parcheggi più vicini e più economici (Proximity Info e Proximity Marketing);
  • L’individuazione e l’indicazione agli automobilisti, mediante apps, del parcheggio più “conveniente” sia per prossimità che per prezzo (Proximity Parking);
  • L’individuazione e l’indicazione agli automobilisti, mediante apps, degli stalli vietati, ZTL, etc.;
  • La navigazione, mediante app, verso un determinato parcheggio;
  • L’acquisizione dei dati tramite WSN, eterogenee e distribuite, che interfaccino differenti tipologie di sensori (ad esempio, LIDAR, telecamere, reti di motes, RFID, nano sensori, sensori ambientali, sensori di prossimità, ecc.) fornendone nel contempo un’astrazione rispetto all’evoluzione tecnologica;
  • La configurazione dinamica del comportamento delle WSN e dei singoli sensori in termini di possibili stati di funzionamento.

Chiaramente, la gestione delle suddette funzionalità comporta una serie di problematiche tecniche-scientifiche e tecnologiche che non sempre si possono facilmente affrontare; infatti il monitoraggio del traffico in città solitamente è sostenuto da appositi dispositivi hardware, come ad esempio sensori e/o telecamere, che devono essere installati nel centro urbano in maniera opportuna; allo stesso modo, sono necessari strumenti idonei e adatti alla misurazione e analisi del livello di inquinamento dell’ambiente urbano. Invece da un punto di vista scientifico, è fondamentale definire e/o selezionare modelli e algoritmi per la gestione del traffico e dei prezzi dinamici dei parcheggi, e tecniche per la misurazione e analisi dei fattori inquinanti.

A tale scopo, la soluzione proposta ambisce a gestire le suddette problematiche, attraverso:

  • La scelta di sensori installabili in modo non invasivo e a bassi costi di manutenzione;
  • L’utilizzo del Digital Signage come strumento di messaggistica digitale;
  • L’utilizzo di un modello di calcolo più efficiente di Fog Computing per la gestione dei flussi di dati che permetta di superare i limiti di bandwidth e di scalabilità che affliggono le soluzioni proposte più recentemente che seguono un paradigma di tipo Cloud-Based;
  • La definizione di un algoritmo per fissare un prezzo dinamico del parcheggio per incentivare il turnover e saturare in egual maniera i parcheggi disponibili.

I dati in input (sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo), che provengono da attività differenti, come ad esempio dai Data Analytics sul flusso veicolare, sono la struttura portante dell’algoritmo di cui si formulerà il modello matematico. L’individuazione dei vincoli, che costituiscono le condizioni su cui verrà effettuata la scelta di risolvere all’ottimo il problema, laddove fosse possibile, o di trovare una soluzione sub-ottima, è lo step che richiederà maggior effort.

Una delle componenti che andrà ad inficiare il comportamento dell’algoritmo scelto, o la scelta di un algoritmo piuttosto che un altro, è la modalità con cui si sceglie di tenere in considerazione la disponibilità e l’affidabilità dei diversi dati di “contesto” (e.g. flusso veicolare, posti disponibili, misurazioni della qualità dell’aria, …) che il sistema deve tenere in considerazione quando l’utente è in “cerca” di un parcheggio. La funzione di costo, da minimizzare o massimizzare a seconda di come si formalizzerà il modello matematico, sarà soggetta a vari vincoli, caratterizzanti le esigenze spaziali, temporali, di prezzo e preferenziali degli utenti. Ad esempio, si potrà scegliere di “preferire” il miglioramento della qualità dell’aria (se le condizioni lo rendessero necessario, riducendo il rischio di blocchi totali del traffico), piuttosto che dare priorità alle distanze spaziali e/o temporale o alleggerire il costo monetario, altro vincolo da tenere in considerazione ai fini del soddisfacimento delle esigenze degli utenti, nonché dell’ammissibilità della soluzione.

In definitiva, l’individuazione dei vincoli, la georeferenziazione e le varie caratteristiche dei parcheggi disponibili, nonché i dati provenienti dai vari sensori ambientali costituiranno le componenti che caratterizzeranno la scelta della tecnica algoritmica, o delle tecniche algoritmiche, per la risoluzione del problema nei vari scenari.

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

  1. usare un modello di calcolo più efficiente per la gestione dei flussi di dati (Fog Computing).
  2. usare il Digital Signage per inviare messaggi informativi digitali in real time agli automobilisti (Proximity Info/Proximity Marketing) e Apps per guidare l’automobilista verso il parcheggio più “conveniente” sia per prossimità che per prezzi (Proximity Parking) 3.sviluppare un modello matematico per definire in modo dinamico i prezzi per i parcheggi per favorire il turn-over dell’occupazione del posto

CUSTOMER NEEDS

La piattaforma SPARTA offre benefici non solo alle città che la adottano, permettendo loro di imboccare la strada che può portarle a trasformarsi in smart city, ma sono anche ai  “soggetti” a trarre vantaggi da un sistema come quello dello Smart Parking, sono i cittadini stessi e da diversi punti di vista:

  • favorisce una maggiore facilità di spostamento
  • maggiori incassi per le amministrazioni
  • servizi migliori e risparmio per i cittadini
  • i cittadini potranno beneficiare di una minore congestione, rumore ed inquinamento nelle zone in cui vivono o lavorano
  • facilita l’accesso alle attività commerciali e favorisce  la crescita economica dei negozianti.

BUSINESS MODEL

L’interesse industriale alla realizzazione del progetto è molto alto. Le specifiche peculiarità del sistema SPARTA, nonché le sue caratteristiche di modularità, scalabilità e interoperabilità, lo rendono molto appetibile dal punto di vista commerciale. C’è da aspettarsi, quindi, un’evoluzione crescente della domanda con richieste di personalizzazione del sistema sulla base di esigenze specifiche di mercato.

IMPATTO SOCIALE

In particolare, il sistema è in grado di:

  • Ottimizzare l’utilizzo delle aree di parcheggio, •Aiutare i guidatori ad evitare inutili file rendendo così più scorrevole il traffico, riducendo i tempi di ricerca del parcheggio
  • Ridurre l’inquinamento contribuendo a una riduzione delle emissioni dei gas di scarico

SVILUPPO SOSTENIBILE

SPARTA ha contribuito alla creazione di un sistema di trasporto sostenibile che:

  • rende fruibile lo spazio di sosta in centro città aiutando i guidatori a trovare più velocemente un parcheggio • riduce l’impatto ambientale sulle nostre città.
  • riduce il fattore di stress dei cittadini

MCUBE

Spotter

MCUBE SRL

Corso Lodi, 31
20149 Milano (MI)

DATA DI FONDAZIONE: 2019

ATTIVITÀ SOCIETARIA: La società ha per oggetto lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, consistenti in applicazioni per telefoni smartphone ios/android.

SITO WEB: www.spotterapp.it

DATA DI NASCITA DEL PROGETTO

2018

TEAM DEL PROGETTO

  • Jader Manno – CEO: management, marketing & comunicazione;
  • Alessio Mazzotta – CLO: management, responsabile area legale;
  • Jona Manno – CFO: management, amministrazione finanziaria;
  • Alberto Stecconi – CCO e COO: management, business development e coordinatore settore IT;
  • Asif Muhammad – CTO: responsabile settore IT e software development.

BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Spotter è un’App mobile realizzata da MCube SRL, che ha come obiettivo quello di offrire all’utente un servizio di sharing delle informazioni relative ai parcheggi utilizzati da altri utenti, incentivati dalla possibilità di ottenere una ricompensa

DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEL PROGETTO

Spotter è un’App mobile (Android e iOS) realizzata da MCube SRL, startup innovativa costituita nel mese di gennaio 2019 da Jader Manno, Jona Manno e Alessio Mazzotta. Lanciata sul mercato milanese nel mese di dicembre 2019, Spotter ha come obiettivo quello di offrire all’utente un servizio di sharing delle informazioni relative ai parcheggi utilizzati da altri utenti, incentivati dalla possibilità di ottenere una ricompensa (Buoni Amazon e Gift Cards) per la condivisione dell’informazione.

La ricerca del parcheggio, infatti, è considerata sempre più uno dei problemi più rilevanti dagli automobilisti italiani, ma anche dalle istituzioni stesse, che hanno tentato invano di arginare il problema, nonché le problematiche ad esso connesse (come ad es. traffico, smog, vivibilità ridotta, stress degli automobilisti e disagi per i cittadini).

MCube S.r.l. propone una soluzione a tali problemi con Spotter, un’App che consente di condividere l’informazione della disponibilità di un parcheggio che sta per essere liberato. Gli altri utenti dell’App, dunque, potranno ottenere tale informazione al prezzo di 2 seSterzi (token acquistabili tramite l’App al prezzo di € 1,00 cad.) e sapere dove e quando il parcheggio è libero o si sta per liberare, andando ad occuparlo prima degli altri automobilisti proprio in quanto hanno ottenuto l’informazione in maniera privilegiata. A loro volta, poi, quando libereranno il parcheggio, gli stessi utenti potranno condividere la relativa informazione ed ottenere dei punti (chiamati sPoint) che potranno essere convertiti in altri seSterzi (e quindi rientrare della spesa inizialmente effettuata), oppure in Buoni Amazon e Gift Cards.Un sistema veloce, comodo e incentivante che consente di ridurre in modo drastico i tempi di ricerca del parcheggio; un valore aggiunto notevole specie nelle zone e nelle fasce orarie più trafficate, quando dunque trovare parcheggio diventa un’attività molto ardua e stressante.

ELEMENTI DI INNOVAZIONE

  • Parking sharing;
  • Incentivo economico al parking sharing;
  • Sistema di automatismi nella condivisione e ricerca del parcheggio.

CUSTOMER NEEDS

Il mercato di riferimento è estremamente ampio. L’App si rivolge, infatti, a tutti gli automobilisti che da una parte sono dotati di uno smartphone e che, dall’altra, soffrono il problema dei parcheggi. Il target cui ci si indirizza, dunque, consiste in automobilisti che prevalentemente si muovono in città e si trovano in età tra i 18 ed i 50 anni.

Solo nella zona della Città Metropolitana di Milano (area da cui è partito il progetto nella sua prima, iniziale fase e che include non solo Milano ma anche tutti i comuni limitrofi, i cui abitanti quotidianamente si muovono nel capoluogo lombardo con il proprio autoveicolo) la base utenti in target è composta da circa 450.000 persone.

BUSINESS MODEL

Il modello di business è formalmente di tipo B2C (business to consumer) con la previsione di ricavi sulla singola transazione effettuata, che consentirà a MCube S.r.l. di coprire i costi di gestione dell’App e di generare profitto. Ulteriori fonti di profitto verranno fornite dalla conclusione di partnership B2B (business to business) con Comuni e aziende che operano nel mercato della mobilità, dall’implementazione di advertisement ad hoc, non invasivi, e dalle possibilità di cessione a terzi dei dati sul traffico, sulla mobilità e sulle preferenze e consuetudini della base utenza in termini di spostamenti, posteggi e autovetture (nel totale rispetto della normativa in materia di G.D.P.R.).

IMPATTO SOCIALE

La ricerca del parcheggio è considerata sempre più uno dei problemi maggiormente rilevanti dagli automobilisti italiani in ambito mobilità e ambiente, come dimostrato dall’indagine illustrata nell’Annuario ISTAT 2017, ma anche dalle istituzioni stesse, che hanno tentato invano di arginare la questione dei parcheggi, nonché delle problematiche ad essi connesse (come ad es. traffico, smog, vivibilità ridotta, stress degli automobilisti e disagi per i cittadini). In certe città trovare un parcheggio in tempi accettabili è impresa alquanto difficile; gli autosilos non offrono una risposta adeguata al problema per via del costo spesso fuori misura e del numero esiguo degli stessi in molte aree urbane.

SVILUPPO SOSTENIBILE

Spotter, per mezzo del suo sistema di “parking sharing”, permette di agevolare sensibilmente la ricerca del parcheggio, riducendo così drasticamente il traffico sia urbano che extraurbano, con ogni conseguente beneficio sia per la salute degli automobilisti che per il maggior tempo libero che gli stessi hanno a disposizione non dovendo perdere tempo nella ricerca del parcheggio.

Uno dei principali punti della mission di Spotter è quella di ridurre il traffico urbano (il grande nemico dell’aria delle città) – e di conseguenza l’inquinamento atmosferico – grazie alla diminuzione dei tempi per la ricerca di un parcheggio e alla conseguente riduzione del traffico automobilistico nelle metropoli